Luciana Gallina è nata il 17 luglio 1960 a Calcinato in una cascina della campagna bresciana nella quale trascorrerà l’infanzia e l’adolescenza. La vita a stretto contatto con la natura e con i ritmi biologici della campagna inciderà notevolmente sulla formazione della sua personalità, forgiandole un carattere ribelle e poco incline alle imposizioni delle mode e delle convenzioni, ma ben ancorato ai valori morali e vitali. Scrive Luciana …scrutavo la campagna dall’alto seduta su un ramo di tiglio dove le foglie mi nascondevano; in quel luogo percepivo che la fatica, il dolore o la gioia non erano contaminati, mantenevano la loro crudezza e nello stesso tempo, potevo contemplarli…”
Nel 1980, in seguito ad un viaggio in Olanda, profondamente colpita dalla potenza emanata dalle opere di Vincent Van Gogh, decide di dedicarsi alla pittura. Pur non avendo alcuna conoscenza in campo artistico, Luciana sente che quella nuova incontenibile passione e la buona volontà potranno far germogliare il seme che le è nato dentro. Inizia, così, il suo percorso artistico. Nello studio dell’artista Angela Foglia apprende molte tecniche pittoriche: decorazione su porcellana, legno e stoffa, acquarello, carboncino, la preparazione della tela e dei colori e infine, la pittura a olio. Trascorrono nove anni d’intenso lavoro: …avevo trovato un altro albero di tiglio; l’essenza di lavanda profumava lo studio e tutto trascendeva la sofferenza…”
Nel 1990 sposa Armando Ravelli, di qualche anno più giovane: lei è attratta dal carattere giocoso di quel ragazzo, lui, invece rimane affascinato dai modi colti e sfuggenti di lei. …siamo due poli opposti: il giorno e la notte…”
Seguono anni in cui Luciana viene assorbita dal manage coniugale e dall’attività del marito; trascura la pittura e sui cavalletti rimangono le opere incompiute. Ne nasce un forte malessere interiore e i bei colori brillanti che le animavano gli occhi si spengono.
Nel 1997 accade qualcosa di straordinario: durante la visita al Santuario delle Grazie a Brescia, mentre contempla la bellezza che permea quel luogo, si sente invasa da una nuova energia vitale. Con coraggio e ostinazione, Luciana rimette ordine nella sua vita e ritrova l’armonia e la fiducia in se stessa. Conosce l’artista Valerio Moreschi: ne nasce una bellissima amicizia fondata sulla reciproca stima. L’influenza del Moreschi sarà determinante nelle opere di Luciana: il colore troverà una nuova forza per esprimere l’aspirazione alla bellezza. Oltre all’esperienza diretta con gli artisti che le hanno trasmesso l’amore e la passione per l’arte, Luciana frequenterà alcuni corsi presso l’Accademia di belle Arti a Brescia dove imparerà le tecniche di incisione.
Nel 2002 a Concesio (BS) presso la Galleria “Cronos” esordisce con la prima mostra personale che segna l’inizio della sua carriera artistica. Seguono varie altre mostre personali e collettive nelle quali riceverà numerosi riconoscimenti. Nel 2008 vince il 1° Premio Internazionale di Estemporanea durante la settimana d’arte Cecina Promotion. Le sue opere sono presenti in collezioni italiane ed estere. Nel suo viaggio artistico, Luciana Gallina studia il colore attraverso diversi linguaggi, alla ricerca di sensazioni nuove, mantenendo un equilibrio strutturale; il colore le permette di trasmettere la voglia di vivere, di addentrarsi nella sperimentazione di nuove vie emozionali inventando nuovi linguaggi e nuovi equilibri in sintonia con la natura cangiante che diffonde il messaggio dell’Arte.
Luciana Gallina vive e lavora a Concesio (BS), ma ha uno studio anche a Calcinato nella cascina di famiglia.

Luciana Gallina, dotata di naturale talento, lo educa, presenziando a lezioni di insigni maestri e frequentando corsi dell’Accademia di Belle Arti. Riconoscendo nel colore la fonte primaria del suo pathos creativo, con determinazione approfondisce la pittura, costruendo in progressione la sua originalità espressiva. Nel corso della sua ormai lunga carriera artistica, si esprime secondo genere classico, in cui la figura domina, realizza colorati giochi geometrici figurativi, diffondendo armonia, si esprime anche in modo informale/astratto, sfumando cromie o delimitandole, per dire di stati d’animo o moti del pensiero in aderenza alla Contemporaneità, che, al di là del compiacimento per il bello, auspica la partecipazione logica del fruitore dell’opera, che agisce con l’autore. Luciana Gallina, nelle opere qui in mostra, guarda alla natura e ad alcuni esseri in essa viventi, caricandoli di simboli, per suggerire di riflettere. E cosi l’Artista, oltre che diffondere piacevolezza in ossequio alla sua forte preparazione classica, parla ai suoi simili, desiderandone benessere e crescita umana. Le farfalle, bellissimi insetti volanti, sono sempre oggetto di stupore e meraviglia. Leggiadre, leggere e di vari colori, hanno vita breve. Possono significare le gioie umane, che scaldano il cuore quando scoccano per un successo conquistato, per un incontro piacevole, per una promessa mantenuta, per un tormento finito… Sono indice del carattere positivo dell’Artista, che sa sempre apprezzare i doni della vita, anche se piccoli e transitori, e che non cede alla tentazione di “piangersi addosso” nelle disgrazie. Gli aironi, uccelli dalle lunghe e sottili zampe, dal collo flessuoso, dal becco allungato e diritto, rimandano all’eleganza. L’abbigliamento intimo e seducente, che propongono, suggerisce alla donna di esaltare la sua femminilità e curare il suo aspetto sempre, anche quando si sente disperata. L’Artista sembra voler dire che anche nei momenti bui si deve aver rispetto di sé e saper guardare avanti con ottimismo. La figura leonina che, sotto forma di battente, si staglia davanti ad una porta chiusa, è chiaro simbolo di forza celata in noi, che può stanarsi e “ruggire” per contrastare angosce ed avversità. L’Artista è convinta che ciascuno ha in sé risorse che, pur mimetizzate nel colore chiaro della porta, che tutte le tonalità/passioni assorbe, possono manifestarsi con insospettata energia e determinata volontà.

Prof.ssa Marta Mai

MOSTRE PERSONALI
2002 – Galleria Cronos – Concesio (BS)
2003 – Bottega Alta – Rezzato (BS)
2005 – La Parada – Brescia
2006 – Studio Arte Dama – Brescia
2007 – Biblioteca Comunale – Concesio (BS)
2008 – Follie Moda – Gavardo – (BS)
2008 – Terme di Franciacorta – Ome – (BS)
2008 – Borgo Antico Arte – Bedizzole – (BS)
2009 – Sala Rosa Hotel Mantovano – Mazzano (BS)
2009 – Sala dell’Eccellenza Museo della Carta Toscolano M. (BS)
2010 – Centro Arte LuPier – Gardone VT (BS)
2010 – Borgo Antico Arte – Bedizzole – (BS)
2011 – Biblioteca comunale – Calcinato (BS)
2011 – Chiesa di S.Pietro – Tignale (BS)
2011 – Sala “Tra terra e cielo” – Castrezzato (BS)
2013 – Sala eventi Albergo Mantovano – Molinetto (BS)

MOSTRE COLLETTIVE
2001 – Premio Calcinatello (BS)
2002 – Premio H.I.T Holding italiana Turismo Parma
2004 – Bottega Alta – Rezzato (BS)
2005 – Comune di Acquafredda (BS)
2005 – AAB – Ricognizione – Brescia
2006 – Villa Glisenti – Villa Carcina – (BS)
2006 – AAB – Ricognizione – Brescia
2006 – Centro Arte LuPier – Gardone VT (BS)
2007 – Studio Arte Dama – Brescia
2007 – Centro Arte LuPier – Gardone VT (BS)
2007 – Centro Arte LuPier – Arte internazionale – Brescia
2008 – Settimana d’Arte Internazionale Cecina Promotion 1° Premio internazionale di estemporanea
2008 – Guidizzolo Arte – Guidizzolo (MN)
2008 – XX Rassegna d ‘Arte Palazzo Beffa – Asola (MN)
2008 – Interpreti del Territorio – Mostra itinerante
2009 – Centro Arte Lupier Mostra Internazionale Università Cattolica Brescia
2009 – Fondazione Civiltà Bresciana – Brescia
2009 – Palazzo Benamati – Toscolano M. (BS)
2009 – Fondazione Passerini – Vestone (BS)
2009 – Villa Usignolo – Sarezzo (BS)
2009 – Borgo Antico Arte – Bedizzole (BS)
2009 – Palazzo Cominelli – S.Felice (BS)
2009 – Sala ex Monte di Pietà – S.Felice (BS)
2009 – Castello di Brescia Piccolo Miglio – Brescia
2009 – Museo Mille Miglia – Brescia
2009 – Centro Arte Lupier – Gardone VT (BS)
2010 – Astoria Park Hotel – Riva del Garda (TN)
2010 – Villa Usignolo – Sarezzo (BS)
2010 – Fondazione Civiltà Bresciana – Brescia
2010 – Still Cornice – Roncadelle (BS)
2011 – Galleria Marchina Arte contemporanea – Brescia
2011 – Premio Nocivelli – Brescia
2011 – Madonna della neve – Gambara (BS)
2013 – Arte nella Mille Miglia – Brescia

error: Contenuti fotografici sono protetti

Pin It on Pinterest

Share This